Puzzle di cartoline: un gioco DA viaggio e SUL viaggio

Puzzle di cartoline: ecco un gioco che è sia SUL viaggio (e vi ricorderà di tutti i posti che avete visitato)… sia utilissimo IN viaggio, perché prende poco spazio ed è un ottimo passatempo per i momenti di attesa (in treno, al ristorante, in aereoporto…in tutti i momenti “morti” in cui si possa disporre di un piano di appoggio). 

Quando si viaggia con i bambini è meraviglioso. Loro ci trasmettono tutta la gioia della scoperta, l’entusiasmo del partire per un’avventura, quell’istinto di esplorazione che da adulti un po’ si perde.

Visitando posti nuovi con i bambini è più facile rivivere quel senso di stupore e di meraviglia che rende speciale l’infanzia.

Ma è vero anche che quando ai nostri viaggi si uniscono i bambini aumentano alcune difficoltà, e possono esserci momenti di nervosismo e di crisi. Perché i bimbi spesso mal sopportano le attese… hanno poca pazienza e poca capacità di affrontare il disagio (o anche solo il cambio di routine). Ecco perché organizzarsi bene prima è fondamentale per godersi un viaggio con i bambini nel modo giusto. 

Io con mio figlio ho fatto di tutto. Viaggi in auto, di un’intera nottata o fino a 5 ore diurne, traversate di 10 ore in nave, lunghi viaggi in treno. Abbiamo visitato musei, castelli, borghi medioevali, parchi divertimento, zoo. Siamo andati a trovare i parenti o a rilassarci al mare, in montagna, alle terme. Però non sono mai partita senza alcuni accorgimenti, che gli rendessero più piacevoli soprattutto i momenti di attesa e le ore di viaggio.

Il “Pic Nic” in auto o in treno è uno dei trucchi del mestiere. Spesso prevedo il pasto in macchina, con tanto di tovaglietta, borraccia e borsa frigo. In movimento, mentre i chilometri scorrono sotto le ruote. Fare un “pic nic” in viaggio lo diverte e gli fa passare più piacevolmente una buona oretta. La maggior parte delle volte poi il pasto concilia il pisolino… e metà viaggio è andato.

In alternativa al pisolino ci sono i giochi da viaggio, come quello che presento oggi, il puzzle di cartoline.

Il primo di una lunga serie, perché i giochi da viaggio ci piacciono tanto. Sono utilissimi in molti momenti, anche non in viaggio: al ristorante, in attesa dal dottore, nei pomeriggi di noia a casa e durante le malattie. Io tengo una raccolta di giochi da viaggio in un cassetto vicino all’ingresso, e ne prendo spesso uno o due prima di uscire.

Il puzzle di cartoline è un’idea semplicissima ma divertente, come piacciono tanto a me. Prendete una cartolina per ogni posto dove siete stati. Tagliatela in pezzi. Pochi pezzi grandi se il vostro bimbo è piccolo… un po’di più se è già grandicello: regolate quantità e grandezza dei pezzi in base all’abilità dei vostri bimbi. 

Fatene diverse di diversi luoghi che avete visitato, e imbustatele in bustine di plastica trasparente o di carta.

Il gioco con queste cartoline/puzzle può essere svolto in molti modi. Dal classico puzzle in cui bisogna semplicemente ricostruire la cartolina spezzata… a prove un pochino più elaborate.

Se avete due bimbi possono ricevere ognuno la stessa cartolina (tagliata negli stessi pezzi) e fare a gara a chi completa prima il puzzle.

Se il bimbo è da solo gli si possono dare diverse bustine, ognuna con una cartolina tagliata dentro, per fargliele ricostruire in un tempo prestabilito. Si può utilizzare una clessidra o il cronometro del cellulare.

Oppure può semplicemente divertirsi a completare diversi puzzle/cartolina per poi indovinare di che posto si tratta (ovviamente se è un luogo che avete visitato in vacanza è molto più divertente!).

È uno splendido modo anche per ricordarsi dei propri viaggi: noi compriamo sempre una cartolina in più da tagliare e trasformare in puzzle.

Man mano che fate le vostre vacanze raccogliete tutta una serie di cartoline e trasformatele in puzzle, da usare come rompinoia in viaggio e in tutti i momenti vuoti in cui ce n’è bisogno!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *