Foulard Furoshiki: creare accessori con i foulard

Il giappone ha prodotto nei secoli davvero tante tante cose meravigliose. Dall’origami all’ikebana, dalla scrittura artistica meditativa ai giardini Zen. È una cultura che mi affascina in molte sue produzioni. L’arte del Furoshiki, di cui parliamo oggi, consiste nel piegare ed annodare foulard quadrati.

Con pochi semplici passaggi si ottengono bellissime borsette a sacco, si confezionano elegantissimi pacchetti-regalo, si ricoprono agende, bottiglie, scatole… in un attimo e con risultati che danno grande soddisfazione. Si possono fare moltissime cose, ma quelle che io preferisco sono gli oggetti per la casa di uso quotidiano e le borse.

Voglio iniziare facendovi vedere un cesto per la frutta, che si potrà declinare anche in tanti altri modi.

Servono un foulard quadrato ed un contenitore sferico (una cesta, una coppetta, un’insalatiera…) da rivestire. Io ho usato un’insalatiera, ma potete ricoprire e ridare vita a ciotole di qualunque tipo.

Si deve partire dal foulard girato a rombo, con il rovescio (cioè la parte interna, meno colorata) rivolto verso di voi. Seguite i passaggi, è semplicissimo:

Con questi semplici gesti e 3 nodi potrete creare il portafrutta o il paniere che vedete in foto, ma anche una coppetta per caramelle o cioccolatini, un contenitore per chiavi o chincaglierie, un cestino da pic-nic, un portaoggetti per il bagno…

La tecnica è sempre la stessa, il risultato finale dipende da quanto è grande il foulard che avete (e di conseguenza la coppa che rivestirete) e dalle infinite colorazioni e disegni dei possibili foulard.

Come seconda possibilità vi mostro una borsetta a sacca, che si fa molto velocemente e puó cambiare moltissimo a seconda del foulard che userete.

Si parte sempre da un foulard quadrato, sta volta con il dritto rivolto verso di voi. Ecco il tutorial fotografico:

Questa borsetta puó sembrare piccola, ma in realtà si allarga molto, vi stupirà quanto puó essere spaziosa! Guardate come contiene un normale pacco di creaker:

A seconda del colore e della dimensione del foulard otterrette effetti e risultati anche molto diversi fra loro.

Da una grande tracolla etnica (con un foulard molto grande) ad una piccola pochette elegante.

Prossimamente faró un’altro post sul furoshiki, mostrando come ricoprire un libro o un’agenda, diversi modelli di borsa e anche il confezionamento di pacchi regalo.

Intanto se vi ho convinte cercate un foulard quadrato (quasi tutti ne abbiamo almeno uno in casa) e provate a realizzare uno di questi progetti!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *